martedì 28 gennaio 2014

Torta di meringa morbida

Tanti tanti anni fa, diciamo circa una ventina, trascorsi tre - quattro giorni a Londra con i miei genitori. Non ricordo tantissimo di quella breve vacanza. Tranne le piazze principali della città ed un enorme scheletro di dinosauro ospitato nella hall del Natural History Museum, non ridete e credetemi, IO RICORDO UN DOLCE!! Ero a cena in un ristorante e mentre mangiavo il secondo piatto vidi passare il carrello dei desserts. Fui incuriosita da un dolce bianco e molliccio. Me ne feci portare una porzione. Non ci potevo credere, era il più buono che io avessi mai provato!!! Ne ordinai un'altra e poi, sotto gli occhi increduli dei miei genitori, un'altra ancora. Non presi la quarta porzione solo perchè avevo vergogna di chiederla! Da allora sono trascorsi due decenni e io in questo periodo spesso mi sono chiesta come avrei potuto realizzarlo. Avevo capito che era una specie di meringa ma proprio non riuscivo a capire il procedimento per la cottura. Quando un giorno, vagando qui e lì su internet, scopro che esiste un altro modo per preparare le meringhe. A BAGNOMARIA! Così cuociono ma restano morbide. Subito all'opera... ho montato, infornato, aspettato, assaggiato ed ...E' LEI!!!!! Sublime, dolcissima, morbida meringa.. Inutile dire che consiglio vivamente di provare questa ricetta e mi rivolgo soprattutto ai golosi d.o.c.! 

stampo 22 cm

INGREDIENTI:

100 gr. albumi
150 gr. zucchero
un pizzico di sale
1 bustina vanillina
olio di semi per ungere la teglia

PROCEDIMENTO:

Frullare gli albumi con un pizzico di sale.
Aggiungere lo zucchero poco per volta.



Infine la vanillina.
Frullare per alcuni minuti.



Versare nello stampo spennellato con un po' di olio di semi.



Sistemare lo stampo in un altro più grande in cui è stata versata dell'acqua (l'acqua dovrà essere alta un paio di dita).
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 50 minuti.
Capovolgere in un piatto da portata.



Ho decorato la torta con qualche filo di caramello.