domenica 8 febbraio 2015

Cinghiale in umido


Non è semplice trovare la carne di cinghiale dalle mie parti, in realtà non l'ho mai vista ma è anche vero che non l'ho mai cercata. Questa ricetta l'ho preparata con della carne che mi è stata regata da una signora che vive in un paesino di montagna, in Molise. Essendo la prima volta che mi trovavo a preparare una carne così inusuale mi sono un po' documentata sul da farsi. Ed ho scoperto che è necessario lasciarla macerare una notte per eliminare il forte odore selvatico e che si presta a piatti che prevedono cotture lunghe così si intenerisce. E così tra le varie ricette ho scelto quella della cottura in umido, che si accosta benissimo alla polenta, che era già nei miei programmi. Che dire, se vi capita di trovare della carne di cinghiale provate questa ricetta e questo accostamento polenta- cinghiale. Il risultato è favoloso!


per 6 persone

INGREDIENTI:

1 Kg carne di cinghiale a pezzi
300 ml vino rosso
2 carote
2 coste di sedano
1 cipolla e 1/2
5 cucchiai olio evo
1 tazzina d'acqua
2 cucchiai concentrato di pomodoro
500 gr. passata di pomodoro
sale fino q.b.

PROCEDIMENTO:

Lasciare macerare la carne di cinghiale per una notte intera nel vino con una carota, una costa di sedano e una cipolla.


Il giorno seguente nell'olio fare dorare un'altra carota, una costa di sedano e mezza cipolla tagliata a pezzetti piccolissimi. (Mi raccomando non quelli della macerazione!)


Aggiungere la carne e la tazzina d'acqua. Cuocere per 30 minuti. (Vino e verdure della macerazione vanno gettate via).


A questo punto aggiungere la passata di pomodoro, il concentrato ed il sale. Cuocere con il coperchio socchiuso su fuoco medio - basso per circa un paio d'ore.
Se è necessario aggiungere durante la cottura un po' acqua o, meglio ancora, un po' di brodo.


Questo il cinghiale in umido servito su letto di polenta.